Archivio delle notizie

La Congregazione delle Suore della Beata Vergine Maria della Misericordia vuole ringraziare tutti i collaboratori, benefattori e donatori, grazie ai quali possiamo creare il sito www.faustyna.pl. che adesso è tradotto in sette lingue, ma anche realizzare tutte le opere di misericordia, soprattutto “la Coroncina per i morenti” e la trasmissione on-line dalla cappella con l’Immagine miracolosa di Gesù Misericordioso e con la tomba di Santa Suor Faustina nel Santuario di Cracovia-Łagiewniki. Insieme partecipiamo alla missione di Gesù che rivela al mondo l’amore misericordioso del Padre Celeste e dona agli uomini la Sua misericordia. Anche attraverso di voi in questo servizio apostolico – cari informatici, traduttori, benefattori e donatori – viene riversata sul mondo la Divina misericordia. Che il Natale sia per voi il tempo di una particolare gioia e pace provenienti dal fatto che il Signore è venuto sulla terra, è con noi e vive in noi quando siamo in stato di grazia. Che il Nuovo Anno 2022 – l’Anno Giubilare della Misericordia – sia pieno della Sua grazia e della misericordia verso il prossimo.

Con Natale è legata l’usanza di adobbare l’albero di Natale, che rende più bello l’interno delle chiese, delle case, è situato sulle piazze o altri luoghi pubblici. L’albero, soprattutto la conifera, in molte culture è un simbolo di vita, di rinascere, di durare, della fecondità. L’albero adobbato dell’abete o del peccio è diventato in Europa un simbolo più riconoscibile di Natale. L’albero vivente è diventato nella religione cristiana un simbolo di Cristo – sorgente di vita. Pure la decorazione dell’albero ha i suoi simboli, solo non sempre riconoscibili: per es. la stella messa sulla cima dell’albero doveva indicare la strada per ritornare a casa dai paesi lontani. La luce – indica Cristo che è la luce del mondo, gli angeli devono proteggere la casa, le catene di carta colorata ricordavano il fatto di essere schiavi del peccato, dal quale Gesù viene a liberarci. Nella cultura di oggi sembra però che i più importanti sono i regali presso l’albero, ma anche questi annunciano i doni del Cielo. Ma vale la pena di guardare  l’albero di Natale, con questi simboli, che ci porta la cultura cristiana, per vivere il mistero di Natale in un modo migliore e più fruttuoso.

Figlia Mia, anch’Io per amor tuo sono sceso dal cielo, per te ho vissuto, per te sono morto e per te ho creato i cieli – disse Gesù a santa Faustina e queste parole rivolge oggi ad ogni uomo. In occasione del Natale e del Nuovo Anno 2022 vogliamo augurare a tutti Voi  –  nostri cari Collaboratori, Benefattori, Donatori, Persone impegnate in diverse opere apostoliche della Congregazione, tra cui “la Coroncina per i morenti” e la “Coroncina perpetua”, Utenti che visitano il nostro sito – di scoprire continuamente la presenza dell’Emmanuele – Dio con noi –, di riconoscere i segni del Suo amore misericordioso in tutte le circostanze di vita e di vivere con Lui la propria quotidianità. Che le grazie temporali vi diano gioia e vi conducano al più grande amore di Dio e degli uomini. Che il Nuovo Anno 2022 sia pieno della grazia di Dio e della misericordia verso i bisognosi. Abbracciamo tutti Voi con la nostra preghiera. Che la Misericordia di Dio si diffonda in noi e per noi!

Con queste parole santa Faustina ha descritto il mistero dell’incarnazione e della nascita del Figlio di Dio. L’ha espresso anche in un modo bello e poetico Franciszek Karpiński, nel cantico di Natale, cantato in Polonia:

Dio nasce, la forza trema di paura
Il Signore dei cieli che giace nudo,
Il fuoco coagula, la luce diviene scura
L’Infinito ha i suoi limiti.
Disprezzato, coperto di gloria,
Re dei re diviene Mortale
Il Verbo si fece Carne
Ed abitò in mezzo a noi.

Dio infinito ed eterno che ha preso la nostra carne ed è diventato uomo. Nessuna religione nel mondo non ha dio che sia Creatore e Signore di tutto che esiste, il quale è infinito, uno, santo, trascendente, onnipotente, onnisciente, inconcepibile da nessuna mente né umana né angelica, e nello stesso tempo, nel Suo Figlio, nella carne umana, cosi vicino all’uomo. La contemplazione della misericordia di Dio in questo mistero suscita ammirazione e porta una gioia inesprimibile, perché Dio venne ad abitare in mezzo a noi, il Verbo di Dio – la Misericordia Incarnata. (Diario, 1745).  

La domenica successiva al Natale, in quest’anno il 26 dicembre, nella Chiesa cattolica cade la Festa di Sacra Famiglia, cioè di Gesù, Maria e Giuseppe. E nello stesso tempo, la festa di ogni famiglia umana, la quale, come la famiglia di Nazareth, è un’opera del Padre Celeste e dovrebbe condurre a Lui, mentre nella vita terrena deve affrontare spesso molte difficoltà. Attualmente, quando la famiglia è oggetto dell’attacco, nel tempo della crisi del matrimonio e della vita familiare, la Sacra Famiglia ci fa vedere un modello di vita in comune, dove, al primo posto c’è Dio, e nelle relazioni reciproche il principio di amore e di fiducia reciproca.

In questo giorno ringraziamo in modo particolare la Divina Misericordia per il dono delle nostre famiglie e chiediamo le grazie necessarie per quelle che stanno vivendo le difficoltà e le crisi. Per le famiglie che litigano e le famiglie disunite chiediamo una grazia di riconciliazione e di perdono reciproco, di ritornare all’amore reciproco e di imitare nella vita la Sacra Famiglia di Nazareth. Per questa intenzione nel Santuario della Divina Misericordia, davanti al Quadro Miracoloso di Gesù Misericordioso e la tomba di santa Faustina, ogni giorno alle ore 20.30 viene recitato il Santo Rosario, e ogni secondo sabato del mese viene celebrata la santa Eucaristia, alle ore 17.00. Si può collegare a questa preghiera attraverso la trasmissione on-line sul sito: www.suorfaustina.it.

La parola vigilia significa “veglia”. Questa veglia è accompagnata dalla preghiera, dal digiuno e da vari sacrifici, praticati per l’amore di Gesù, con l’intenzione di prepararsi a celebrare la Sua nascita nel corpo umano. Secondo la tradizione cristiana, insieme alla prima stella che appare in cielo (è un riferimento simbolico alla Stella di Betlemme che annunciò la nascita di Gesù) nelle case, conventi e varie comunità, tutti si mettono a tavola per il cenone della viglia di Natale. L’oplatek spezzato nelle famiglie polacche e gli auguri di Natale sono un’occasione di perdono e di conciliazione, quando si crea un’atmosfera d’amore nella quale è presente Dio stesso. Santa Suor Faustina descrisse nel suo “Diario” più Vigilie di Natale. Dell’ultima, che visse nel 1937 a Cracovia, raccontò: Prima del cenone sono andata un momento in cappella per scambiare spiritualmente l’oplatek con le persone che mi amano e sono care al mio cuore, ma sono lontane. Prima di tutto mi sono immersa in una profonda preghiera ed ho chiesto al Signore grazie per loro e poi per ciascuna in particolare. Gesù mi ha fatto conoscere quanto ciò Gli sia gradito ed una gioia ancora più grande ha riempito la mia anima, nel vedere che Iddio ama in modo particolare coloro che noi amiamo. Entrata in refettorio, durante la lettura tutto il mio essere venne immerso in Dio. Vidi interiormente lo sguardo di Dio diretto su di noi con grande compiacimento. Rimasi a tu per tu col Padre Celeste. In quel momento conobbi più a fondo le Tre Persone divine che contempleremo per tutta l’eternità, e dopo milioni di anni ci renderemo conto di aver appena iniziato la nostra contemplazione. Oh, quanto è grande la Misericordia di Dio, che ammette l’uomo ad una così grande partecipazione alla Sua divina felicità, ma nello stesso tempo che gran dolore trafigge il mio cuore per il fatto che molte anime disprezzano questa felicità! (D. 1438-1439). Che Dio trovi posto in ogni casa, ad ogni tavola e in ogni cuore umano. Perché solo in Lui e nella Sua misericordia il mondo ritroverà la pace e gli uomini la loro felicità!

Nelle chiese e nelle cappelle conventuali, anche della nostra Congregazione, a mezzanotte del 24 dicembre viene celebrata una solenne Santa Messa chiamata in polacco Pasterka. È la prima Eucaristia della solennità di Natale, che commemora l’attesa e la preghiera dei pastori di Betlemme, che si affrettarono per salutare il Figlio di Dio, nato in un corpo umano. Le esperienze mistiche di Santa Suor Faustina, descritte nel “Diario” ci aiutano a conoscere meglio quel gioioso mistero della venuta di Gesù sulla terra e del suo dimorare nei cuori puri. Appena usci la santa Messa, il raccoglimento interiore s’impadronì di me, la gioia inondò la mia anima. Durante l’offertorio vidi Gesù sull’altare; era di una bellezza incomparabile. Il Bambinello per tutto il tempo guardò verso tutti, tendendo le manine (D. 347). Dopo la santa Comunione – scrisse in un altro testo – ho sentito queste parole: «Io sono sempre nel tuo cuore, non solo nel momento in cui Mi accogli nella santa Comunione, ma sempre». Ho vissuto queste feste in una grande gioia.(D. 575). Auguriamo a tutti voi che durante la Messa di mezzanotte (Pasterka), durante tutto il periodo di Natale e in ogni giorno del Nuovo Anno vi accompagni la gioia che viene dalla presenza di Dio nelle nostre anime.

Il 16 dicembre, in tutti i conventi della Congregazione B.V.Maria della Misericordia, ed anche nella cappella con l’Immagine Miracolosa di Gesù Misericordioso e la tomba di santa Faustina, nel Santuario della Divina Misericordia a Cracovia-Łagiewniki, inizia la novena in onore a Gesù Bambino. Si cantano, in modo tradizionale, le antifone di Avvento e si recitano  le litanie in onore a Gesu Bambino – è una preparazione diretta alle feste di Natale. Si può collegarsi a queste preghiere tramite una trasmissione on-line sul sito www.faustyna.pl ogni giorno alle ore 19.00, nella domenica alle ore 18.30,  e nella vigilia prima di Natale, alle ore 7.10.

Nella quarta settimana dell’Avvento santa Suor Faustina ci guida nelle profondità del nostro intimo, che possa diventare un luogo di nascita di Gesù in noi. Lui è venuto al mondo per nascere in ogni cuore umano e farlo felice. Non cerco la felicità all’infuori dell’intimo, dove dimora Iddio. Gioisco di Dio nel mio intimo; qui dimoro continuamente con Lui; qui con Lui dimoro sicura; qui non giunge occhio umano. La Santissima Vergine m’incoraggia a trattare cosi con Dio (Diario, 454). Sforziamoci che gli ultimi giorni dell’Avvento siano non solo un tempo di una nuova nascita di Dio nei nostri cuori attraverso un sacramento di riconciliazione, ma che tramite la nostra preghiera e il nostro sacrificio Lui possa trovare un posto nelle altre anime.

Tra i preparativi per il Natale ciò che conta di più è la cura dell’aspetto spirituale, la preparazione dell’anima alla nuova nascita in essa del Figlio di Dio. Per questo motivo durante l’Avvento facciamo buoni propositi per mettere ordine nella nostra vita spirituale, partecipiamo ai ritiri spirituali, troviamo tempo per riflettere, ci confessiamo. In numerosi Santuari della Divina Misericordia, tra l’altro a Cracovia-Łagiewniki ed a Płock, ma anche in altri santuari e chiese, si formano lunghe code davanti ai confessionali. Senza questa preparazione il Natale sarà privato della goia più profonda che viene dalla presenza di Dio nell’anima, verrà ridotta ai giorni liberi dal lavoro, ad uno scambio dei regali che ci danno soddisfazione solo qualche per momento. Credi che Dio nacque in una mangiatoia di Betlemme, ma guai a te, se non nascerà nella tua anima – scrisse il grande poeta del Romanticismo polacco Adam Mickiewicz.

Dopo un’intervallo delle vacanze, il 22 dicembre, alle ore 19.00,  nel Santuario della Divina Misericordia a Cracovia-Łagiewniki, nella cappella con l’Immagine Miracolosa di Gesu Misericordioso e presso la tomba di santa Faustina, si svolgerà l’incontro, come di solito, dei giovani. In quest’anno, le sorelle ed i partecipanti sono guidate le parole: „Vieni e abbi fiducia”. I giovani affideranno a Dio misericordioso i problemi difficili della Chiesa, del mondo ed i problemi personali. Sarebbe anche una preparazione spirituale all’anniversario di 20 anni dell’Atto di consacrazione del mondo alla Divina Misericordia, pronunciato dal santo Gioavvni Paolo II,  il 17 agosto del 2002.

Il 22 dicembre di quest’anno nel Santuario Nazionale di san Giovanni Paolo II in Washington D.C., alle ore 19.00 inizierà, come di solito, „La serata con Gesù Misericordioso” guidata dalle sorelle della Congregazione B.V.Maria della Misericordia. Suor Gaudia Skass racconterà questa volta, di una coraggiosa e sorprendente storia di Karol Wojtyła e papa Giovanni Paolo II nel portare al mondo il messaggio della Divina Misericordia. Lei condividerà con gli altri i fatti della sua vita poco conosciuti, che possano ispirare ad una buona preparazione al santo Natale, ma anche nel coinvolgersi nella missione  di preparare il mondo alla seconda venuta di Gesù sulla terra. Nell’ambiente degli ultimi giorni dell’Avvento, la musica durante l’incontro sarebbe guidata da Brian Rhude. Per concludere la Serata le sorelle hanno preparato il sorteggio dei Patroni per l’Anno Nuovo 2022. Coloro che non possono partecipare all’incontro, possono collegarsi, durante la prima parte, alla trasmissione on-line, del Santuario: https://www.facebook.com/JP2Shrine oppure su You Tube: https://www.youtube.com/c/SaintJohnPaulIINationalShrine.

Si può, su You Tube, ascoltare anche l’intervento di suor Gaudia Skass ISMM, del mese scorso, il quale si trova su questo link:

https://www.youtube.com/watch?v=Vp1e4YbOTXk&t=1562s

 

Il 22 dicembre di quest’anno nella chiesa san Gioacchino a Roma (quartiere Prati), si svolgerà un’ulteriore incontro della comunità degli Apostoli della Divina Misericordia „Faustinum”, con le parole: „Il Creatore Misericordioso dell’uomo”. L’incontro sarebbe guidato dal dott.don Waldemar Turek (dalla Segreteria dello Stato della Sede Apostolica, l’insegnante dell’Università Salesiana a Roma), anche dalle sorelle della comunità della Congregazione B.V.Maria della Misericordia a Roma. Il programma include: preghiera durante l’Ora della Misericordia, con la Coroncina alla Divina Misericordia,  interventi, santa Eucharistia.

Nella terza settimana dell’Avvento mediteremo il mistero della misericordia di Dio nella nascita del Figlio di Dio. Santa Suor Faustina scriveva: …ed avviene l’inconcepibile miracolo della Tua Misericordia, o Signore. Il verbo si fa Carne, Dio abita fra di noi, il Verbo di Dio, la Misericordia Incarnata. Con la Tua umiliazione ci hai innalzato alla Tua Divinità. E l’eccesso del Tuo amore, è l’abisso della Tua Misericordia. Stupiscono i cieli per questo eccesso del Tuo amore. Ora nessuno ha più paura di avvicinarsi a Te. Sei il Dio della Misericordia, hai pietà per la miseria, sei il nostro Dio e noi il Tuo popolo. Sei nostro Padre e noi per la Tua grazia siamo Tuoi figli. Sia glorificata la Tua Misericordia, poiché Ti sei degnato di scendere tra noi (Diario, 1745). Con santa Faustina cerchiamo di meditare l’amore misericordioso di Dio in questo miracolo della nascita di Figlio di Dio nella mangiatoia di Betlemme e nell’anima dell’uomo. RingraziamoLo  perché voleva essere tanto vicino a noi, dalla Sua nascita , attraverso tutti i eventi della vita, fino alla morte, per dimorare con noi nella casa del Padre e farci eredi del cielo.

Nei giorni dal 10-12 dicembre di quest’anno nel Santuario della Divina Misericordia a Cracovia-Łagiewniki si svolgerà un ritiro del ciclo: „La Trinità Misericordiosa”. L’argomento del ritiro sarebbe la misericordia del Figlio di Dio, di cui santa suor Faustina scriveva nel suo „Diario”: „Dio ha abitato con noi, il Verbo di Dio – la Misericordia Incarnata” (D., 1745). Il ritiro sarebbe guidato dal padre Janusz Pyda OP, insegnante di filosofia e di teologia dogmatica nel Collegio di Filosofia e di Teologia della Provincia dei Padri Domenicani in Polonia, padre spirituale, predicatore dei ritiri. Il ritiro è organizzato dall’Associazione degli Apostoli della Divina Misericordia „Faustinum”.

Nella seconda settimana dell’Avvento con santa Faustina, Vi proponiamo una meditazione della misericordia di Dio nel mistero dell’Incarnazione del Figlio di Dio. O Dio, Tu non ha sterminato l’uomo dopo la caduta, ma nella Tua Misericordia gli hai perdonato ed hai perdonato veramente da Dio,  cioè non solo gli hai rimesso la colpa ma l’hai colmato di ogni grazia. La Misericordia Ti ha spinto fino al punto che Tu stesso Ti sei degnato di scendere tra noi per sollevarci dalla nostra miseria.  Dio scende sulla terra, il Signore dei Signori si umilia, Egli l’Immortale. Ma dove scendi, Signore ? Forse nel tempio di Salomone ? Vuoi forse che Ti venga costruita una nuova dimora dove hai intenzione di scendere ? O Signore, che dimora Ti prepareremo, dal momento che tutta la terra è il Tuo sgabello ? Tu stesso Ti sei preparato una dimora: una Santa Vergine. Le Sue viscere immacolate sono la Tua abitazione (Diario, 1745).  In questa settimana, con santa Faustina meditiamo la misericordia di Dio nel mistero dell’Incarnazione del Suo Figlio, il quale ha preso il corpo umano nel seno della Vergine Maria. Ringraziamo Dio, che in tale modo la natura umana è stata elevata, che dal quel momento è presente nel mistero della Santissima Trinità.

E un titolo della 26-ma puntata nella serie dei spot cinematografici col messaggio di Misericordia di Gesù, scritto nel „Diario” di santa Faustina. Ogni puntata ha una forma del dialogo tra Gesù e santa Suor Faustina. In questa puntata Gesù dice: „La perdita di ogni anima M’immerge in una tristezza mortale. Mi consoli sempre, quando preghi per i peccatori. La preghiera che Mi è più gradita è la preghiera per la conversione dei peccatori. Sappi, figlia Mia, che questa preghiera viene sempre esaudita” (Diario, 1397). E santa Suor Faustina risponde: „Ardo dal desiderio di salvare le anime; percorro tutto il mondo in lungo e in largo e m’inoltro fino agli estremi di esso, fin nei luoghi più selvaggi, per salvare le anime. Lo faccio mediante la preghiera ed il sacrificio. Desidero che ogni anima esalti la misericordia di Dio, poiché ognuno sperimenta su di sé gli effetti di tale misericordia” (Diario, 482).

Lo scenario per i spot cinematografici col messaggio di Gesù Misericordioso è stato scritto da suor M. Elżbieta Siepak ISMM. Questo messaggio svela l’amore misericordioso di Dio e chiama a rispondere ad esso con un atteggiamento di fiducia verso Dio, cioè compiere la Sua volontà e la testimonianza del bene verso il prossimo attraverso gli atti, le parole e la preghiera. Il testo è letto da Adam Woronowicz e Aleksandra Posielężna; la musica è stata composta dal compositore di Cracovia – Paweł Bębenek. I spot che durano 1 minuto con un bellissimo paesaggio sono realizzati dalla Congregazione delle Suore B.V.Maria della Misericordia con la TVP. Si può vedere tutti i spot su You Tube nel canale: Faustyna.pl.

L’8 dicembre di quest’anno, come di solito, ogni mese,  la comunità delle Suore B.V.Maria della Misericordia di Gdańsk, Częstochowa, Kalisz e Kiekrz sostiene, con la preghiera, le coppie del matrimonio che vogliono avere i figli. 782 coppie già aspettano i figli oppure i figli sono già venuti nel mondo. Si possono mandare le richieste di preghiera con i nomi delle coppie sull’indirizzo mail: www.modlitwaopotomstwo.pl.

La comunità di persone che pregano per per la prole guidata da p. Andrzej Wiecki e le sorelle della comunità di Gdańsk (Congregazione B.V.Maria della Misericordia), invitano cordialmente le coppie che vogliono avere figli, di prendere parte all’adorazione di Gesù Misericordioso con la preghiera di guarigione la quale si svolgerà l’8 dicembre  alle ore 19.30 nel Santuario della Madonna del Parto di Matemblewo. La trasmissione online: www.facebook.com/modlitwaopotomstwo .

Il 8 dicembre di quest’anno, si celebrerà la santa Messa, alle ore 17.00, nel Santuario della Divina Misericordia, per le intenzioni degli sponsor, donatori, benefattori e collaboratori delle opere di media, guidate dalla Congregazione B.V.Maria della Misericordia, e soprattutto per le persone che sostengono l’opera “La Coroncina per gli agonizzanti” e la trasmissione sul sito: www.faustyna.pl e le sue versioni linguistiche.  Grazie a questo sostegno, si aiuta ogni anno circa 40 mila degli agonizzanti, e  tantissimi fedeli possono essere presenti in un modo virtuale nel Santuario di Łagiewniki, in unione di preghiera davanti al Quadro Miracoloso di Gesù Misericordioso e presso la tomba di santa Suor Faustina. Le sorelle della Congregazione B.V.Maria della Misericordia pregano ogni giorno per i donatori ed i benefattori, ma questa santa Eucaristia sarebbe un dono particolare di gratitudine.  Si può collegarsi a questa celebrazione tramite la trasmissione on-line sul sito: www.suorfaustina.it , accessibile anche nell’applicazione: Faustyna.pl

8 dicembre di quest’anno. Nella solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, nel convento della Congregazione delle Suore di Nostra Signora della Misericordia a Rabka, si svolgerà una cerimonia di accettazione di candidati  al postulato. Dopo le cerimonie religiose, l’Eucaristia nella cappella del convento per i postulanti sarà celebrata da p. Rafał Gudwański.

Il postulandato costituisce la prima esperienza nella vita religiosa. Il suo scopo è di introdurre, poco a poco, le postulanti nella vita religiosa, di completare la conoscenza del sapere religioso, la formazione della cultura di vivere nella comunità secondo i principi di buona educazione, sviluppare la pratica delle virtù naturali, conoscere di più la vita e l’apostolato della Congregazione. Tutto ciò si compie non solo attraverso una partecipazione ai corsi e allo studio, ma anche attraverso la preghiera ed il lavoro nella comunità delle suore.

In tutti i conventi della Congregazione B.V.Maria della Misericordia, il 29 novembre inizia la preparazione spirituale alla festa dell’Immacolata Vergine Maria : si canta la novena composta dalle antifone e le Litanie Loretane. Indipendentemente dalla novena cantata in comune le sorelle cercano di offrire spiritualmente qualcosa alla Madonna per questa Festa. Santa Suor Faustina faceva una novena durante la quale recitava 1000 Ave Maria – ad eccezione delle preghiere in comune e personali. Lei stessa ha detto : Per chi realmente vuole, nulla è difficile. Al di fuori della ricreazione pregavo e lavoravo, in quei giorni non dicevo una parola che non fosse assolutamente necessaria. Debbo riconoscere che questa cosa richiede parecchia attenzione e sforzo, ma per onorare l’Immacolata non c’è nulla di troppo (Diario, 1413). Gli utenti di internet possono partecipare a questa preghiera attraverso la trasmissione on-line dal Santuario della Divina Misericordia a Cracovia-Łagiewniki.

Il 5 dicembre di quest’anno nella chiesa santa Christina a Torino, suor Amata Strzępek e suor Wincenta Mąka della comunità di Roma – Congregazione B.V.Maria della Misericordia s’incontreranno con i membri e con i volontari dell’Associazione degli Apostoli della Divina Misericordia „Faustinum”. Dopo una preghiera in comune nell’Ora della Misericordia, con la Coroncina alla Divina Misericordia, suor Wincenta farebbe un’intervento sul significato e il ruolo della formazione in „Faustinum”. Durante l’incontro si farà pure benedire una immagine del beato don Michele Sopoćko, confessore e padre spirituale di santa Suor Faustina di Wilnius.

Nei giorni dal 3-5 dicembre di quest’anno nel convento della Congregazione B.V.Maria della Misericordia presso la via Zytnia a Varsavia, si svolgerà un ritiro per le ragazze con le parole: „Maria – Donna che ascolta”. Durante quel ritiro di Avvento Ella insegnerà ad ascoltare se stessi, il prossimo, e innanzitutto il Dio misericordioso. Il ritiro sarebbe guidato da don Przemysław Drąg e suor Wiktoria Ringel ISMM. Il programma includerà: la santa Eucaristia, la meditazione della parola di Dio, la preghiera personale e in comune, l’adorazione di Gesù nel Santissimo Sacramento ed altri incontri.

Ogni Avvento, Suor Faustina lo iniziava con Maria. Prima della solennità dell’Immacolata ella faceva, insieme alla sua Congregazione, una novena, e oltre, lei stessa cercava di offrire qualcosa alla Madonna (p.es. la novena di recitare 1000 Ave Maria…). Lei meditava la misericordia la quale Maria ha sperimentato nel dono dell’immacolata concezione, di essere “piena di grazia” di cui l’aveva assicurato l’angelo Gabriele nell’annunciazione, ed anche nel dono della Divina maternità.  Colei che è stata scelta come Madre del Figlio di Dio, conosce in modo migliore, come fruttuosamente vivere il tempo dell’attesa di Gesù. Lei ha consigliato a santa Faustina: Procura di essere mite e umile affinché Gesù che dimora continuamente nel Tuo cuore possa riposare. Adoralo nel tuo cuore. Non uscire dal tuo raccoglimento interiore (Diario, 785). Possa questo essere un nostro proposito per questa settimana dell’Avvento, per preparare i nostri cuori – affinché Dio possa dimorare nei nostri cuori in modo sempre più pieno.

Il 1 dicembre di quest’anno l’Ufficio per la Pastorale dei Giovani nella diocesi di Arlington sta organizzando una giornata di Ritiro di Avvento per i leader dei gruppi dei giovani nella parrocchia di Tutti Santi in Manassas, Virginia. Due interventi sull’Eucaristia, in base all’eredità spirituale di santa Suor Faustina deve avere suor Gaudia Skass della comunità di Washington D.C. – Congregazione B.V.Maria della Misericordia. Quel ritiro viene incluso nel programma del rinnovo di una fede eucaristica, introdotto in tutte le diocesi degli USA.

Si avvicina l’Avvento – scriveva nel Suo « Diario » santa Suor Faustina – desidero preparare il mio cuore alla venuta di Gesù con la mitezza ed il raccoglimento dello spirito unendomi alla Maria Santissima ed imitando fedelmente la virtù della Sua mitezza, per la quale trovo compiacimento agli occhi di Dio stesso. Al Suo fianco confido di perseverare in questo proposito (Diario, 1398). In quest’ anno la prima Domenica dell’Avvento cade il 28 novembre. Liturgicamente, l’Avvento, e nello stesso tempo un nuovo anno nella liturgia della Chiesa, inizia con i vespri del 27 novembre. E il tempo di una gioiosa attesa per Natale, il tempo di prepararsi spiritualmente alle Feste, ma anche alla seconda venuta del Signore sulla terra ; anche il tempo di esercitarsi, con la nostra sensibilità, al Suo arrivo, qui e adesso – come lo faceva santa Faustina esercitandosi nella mitezza e nel raccoglimento dello spirito. La gioia di vivere i misteri della nostra fede che parlano della nascita del Figlio di Dio nel corpo umano – la Misericordia Incarnata, dipende dalla nostra attesa e nostra preparazione spirituale.

Sul sito: www.faustyna.pl   è stato pubblicato il programma dei ritiri per le ragazze fino al giugno del 2022. Si svolgeranno nei conventi della Congregazione B.V.Maria della Misericordia in diversi luoghi: Varsavia, Częstochowa, Cracovia, Gdańsk. Gli argomenti dei ritiri sono abbastanza interessanti, adequati ai bisogni dei giovani di oggi, si attingono anche dal tesoro della parola di Dio e dall’ eredità spirituale di santa Suor Faustina. I ritiri saranno guidati dai sacerdoti e dalle sorelle della Congregazione B.V.Maria della Misericordia.

Il 22 novembre di quest’anno nel Santuario Nazionale di san Giovanni Paolo II in Washington, alle ore 19.00, inizierà, come di solito, la „Serata con Gesù Misericordioso”, la quale avra un carattere di festa, visto il giubileo di 5 anni dell’apostolato della comunità della Congregazione B.V.Maria della Misericordia in Washington D.C. Suor Gaudia Skass dovrebbe raccontare, come durante questi anni le sorelle e gli ospiti, trasmettevano, con la parola e la testimonianza di vita, il messaggio sull’amore misericordioso di Dio, il quale ci chiama a seguire la via di fiducia in Dio e di carità verso gli altri.

Dopo la preghiera seguira la cena in comune – si preparera un cibo che secondo la tradizione si prende per la Festa di Ringraziamento – il quarto giovedi del mese di novembre. Coloro che non possono prendere parte all’incontro, possono, durante la prima parte, collegarsi attraverso la trasmissione in diretta sul sito del Santuario: https://www.facebook.com/JP2Shrine, oppure sul canale You Tube: https://www.youtube.com/c/SaintJohnPaulIINationalShrine

Dopo un’intervallo delle vacanze, il 22 novembre, alle ore 19.00,  nel Santuario della Divina Misericordia a Cracovia-Łagiewniki, nella cappella con l’Immagine Miracolosa di Gesu Misericordioso e presso la tomba di santa Faustina, si svolgerà l’incontro, come di solito, dei giovani. In quest’anno, le sorelle ed i partecipanti sono guidate le parole: „Vieni e abbi fiducia”. I giovani affideranno a Dio misericordioso i problemi difficili della Chiesa, del mondo ed i problemi personali. Sarebbe anche una preparazione spirituale all’anniversario di 20 anni dell’Atto di consacrazione del mondo alla Divina Misericordia, pronunciato dal santo Gioavvni Paolo II,  il 17 agosto del 2002.